Out to See

Cose da Imparare Online

Come Imparare a Camminare sui Tacchi Velocemente

I tacchi sono un po’ la croce e delizia di ogni donna. Belli, bellissimi, alleati preziosi, ma anche scomodi ed insidiosi. Eppure, quale donna riesce a resistere al fascino di un tacco 12?
Sarà che slanciano le gambe, sarà che sono terribilmente affascinanti. Insomma, prima o poi si dovrà scendere a patto con la comodità ed indossare un paio di tacchi.
Però, si sa, indossare un paio di tacchi è un po’ un’arte.
Ci sono donne che sembrano nate per portare le scarpe con i tacchi ed altre che invece non si sentiranno mai a loro agio con questo tipo di calzature.
Se è vero che la cosa migliore è la pratica, di certo alcuni consigli possono rivelarsi molto preziosi!

La prima volta in cui si decide di acquistare un paio di scarpe coi tacchi, è fondamentale la scelta. Inutile fare le spavalde e puntare ai 10, meglio essere più realiste e ripiegare per un tacco basso, intorno ai 5 cm.
Prima di uscire con le nuove scarpe per un pomeriggio di shopping con le amiche, è meglio abituarsi a portarle.
Via libera quindi alle prove di camminata in giro per casa. Così, se anche doveste sbilanciarvi, l’imbarazzo resterebbe solo tra le mura di casa vostra.
Una volta raggiunto un minimo di equilibrio, si è pronte per brevi tragitti all’esterno.

Il prossimo passo è quello di provare un paio di tacchi a 10 cm. Il primo acquisto di questo tipo deve essere mirato ed intelligente. Meglio optare per una tipologia di scarpa che tenga ben salda la caviglia, preferendo quindi un paio di stivali. All’inizio c’è infatti il rischio di prendere qualche storta.
L’idea di prendere un modello di scarpa con il plateau è sempre vincente, la camminata è decisamente più facilitata.
Il momento migliore per andare ad acquistare un paio di scarpe con il tacco è il tardo pomeriggio, quando il piede è più gonfio e stanco. Infatti dovete tenere presente che la scarpa deve essere più comoda possibile, proprio per non avere problemi in situazioni di piedi gonfi ed affaticati dalla giornata.
Meglio puntare per un tacco non eccessivamente sottile, ma di media dimensione per offrire un supporto più adeguato.
Camminate con le scarpe prescelte per il negozio, è fondamentale essere certe d’aver scelto un modello confortevole al proprio piede.

Ora che avete finalmente acquistato il vostro paio di scarpe dai tacchi un po’ più importanti, fondamentale è l’esercizio. Quindi l’ideale è camminaci tanto, sia per modellare le scarpe, sia per abituare i piedi.
Una volta calzate le scarpe è bene mettersi in piedi e cercare il giusto equilibrio e trovare la stabilità.
Provate quindi a muovere i primi passi, camminando in linea retta e con il busto eretto.
Ricordate di non guardarvi mai i piedi, la vostra testa deve essere alta ed il vostro sguardo deve volgere sempre davanti a voi.
Poggiate sempre prima la punta del piede e dopo il tacco e state attente a non piegare troppo il ginocchio.
Una volta trovato il giusto equilibrio, i tacchi faranno molta meno paura!

Non tutte se ne rendono conto, ma i primi tempi la camminata con i tacchi ai vostri piedi non sarà esattamente delle più sinuose e sexy. Potreste essere ancora un po’ rigide e concentrate a mantenere l’equilibrio.
Un buon suggerimento per trovare una camminata femminile ed affascinante è quello di immaginare un filo invisibile che parta della propria testa e ti tiri verso l’alto.
Il busto deve essere sempre ben eretto ed i fianchi devono muoversi in modo sinuoso. L’avanzata deve procedere sempre seguendo una linea immaginaria, incrociando leggermente le gambe, proprio come fanno le modelle in passerella.

Ci raccomandiamo di non esagerare in questo, ricordate sempre che un conto sono le sfilate di moda e che un altro conto è la vita quotidiana.
Le braccia vanno lasciate morbide e devono muoversi in contemporanea alle gambe.
Quando invece si è in piedi, ferme, l’ideale è tenere una gamba dritta e l’altra leggermente piegata per bilanciare il peso corporeo e non gravare troppo sui tacchi.

Finalmente i tacchi fanno parte del vostro quotidiano, non vi sentite più insicure ed impacciate. E’ quindi giunto il momento di calzarli per una serata fuori. Scegliete un’occasione tranquilla ed evitate quelle più movimentate fino a quando non vi sarete abituate del tutto.
Meglio optare per un posto in cui potersi sedere di tanto in tanto e far riposare i piedi.

Ecco alcuni suggerimenti extra per evitare di ritrovarsi con i piedi doloranti dopo i tacchi.
Se i vostri piedi scivolano nelle scarpe, andando a far battere la punta delle dita contro la scarpa, spolverate l’interno delle calzature con un po’ di borotalco prima di infilarle.
Esistono in commercio dei cuscinetti in silicone da applicare all’interno delle scarpe, evitano di far scivolare i piedi ed attutiscono l’impatto. Con più punti d’appoggio i dolore diminuirà ed il piede si affaticherà molto meno.

Se il dolore si presenta una volta tolti i tacchi, vi suggeriamo di fare un bel pediluvio.
Ne potete trovare di specifici sia nei supermercati che in farmacia, oppure potete optare per un rimedio casalingo: un pugno di sale grosso, un pugno di bicarbonato e qualche goccia di olio essenziale alla menta. Sciogliete tutto in acqua calda ed immergete i piedi affaticati per 10-15 minuti.
Massaggiate le gambe dal basso verso l’alto per favorire la circolazione e cercate di tenere le gambe in alto per una quindicina di minuti mentre siete sdraiate a letto o sul divano.