Out to See

Cose da Imparare Online

Come Imparare a Camminare sui Tacchi Velocemente

I tacchi sono un po’ la croce e delizia di ogni donna. Belli, bellissimi, alleati preziosi, ma anche scomodi ed insidiosi. Eppure, quale donna riesce a resistere al fascino di un tacco 12?
Sarà che slanciano le gambe, sarà che sono terribilmente affascinanti. Insomma, prima o poi si dovrà scendere a patto con la comodità ed indossare un paio di tacchi.
Però, si sa, indossare un paio di tacchi è un po’ un’arte.
Ci sono donne che sembrano nate per portare le scarpe con i tacchi ed altre che invece non si sentiranno mai a loro agio con questo tipo di calzature.
Se è vero che la cosa migliore è la pratica, di certo alcuni consigli possono rivelarsi molto preziosi!

La prima volta in cui si decide di acquistare un paio di scarpe coi tacchi, è fondamentale la scelta. Inutile fare le spavalde e puntare ai 10, meglio essere più realiste e ripiegare per un tacco basso, intorno ai 5 cm.
Prima di uscire con le nuove scarpe per un pomeriggio di shopping con le amiche, è meglio abituarsi a portarle.
Via libera quindi alle prove di camminata in giro per casa. Così, se anche doveste sbilanciarvi, l’imbarazzo resterebbe solo tra le mura di casa vostra.
Una volta raggiunto un minimo di equilibrio, si è pronte per brevi tragitti all’esterno.

Il prossimo passo è quello di provare un paio di tacchi a 10 cm. Il primo acquisto di questo tipo deve essere mirato ed intelligente. Meglio optare per una tipologia di scarpa che tenga ben salda la caviglia, preferendo quindi un paio di stivali. All’inizio c’è infatti il rischio di prendere qualche storta.
L’idea di prendere un modello di scarpa con il plateau è sempre vincente, la camminata è decisamente più facilitata.
Il momento migliore per andare ad acquistare un paio di scarpe con il tacco è il tardo pomeriggio, quando il piede è più gonfio e stanco. Infatti dovete tenere presente che la scarpa deve essere più comoda possibile, proprio per non avere problemi in situazioni di piedi gonfi ed affaticati dalla giornata.
Meglio puntare per un tacco non eccessivamente sottile, ma di media dimensione per offrire un supporto più adeguato.
Camminate con le scarpe prescelte per il negozio, è fondamentale essere certe d’aver scelto un modello confortevole al proprio piede.

Ora che avete finalmente acquistato il vostro paio di scarpe dai tacchi un po’ più importanti, fondamentale è l’esercizio. Quindi l’ideale è camminaci tanto, sia per modellare le scarpe, sia per abituare i piedi.
Una volta calzate le scarpe è bene mettersi in piedi e cercare il giusto equilibrio e trovare la stabilità.
Provate quindi a muovere i primi passi, camminando in linea retta e con il busto eretto.
Ricordate di non guardarvi mai i piedi, la vostra testa deve essere alta ed il vostro sguardo deve volgere sempre davanti a voi.
Poggiate sempre prima la punta del piede e dopo il tacco e state attente a non piegare troppo il ginocchio.
Una volta trovato il giusto equilibrio, i tacchi faranno molta meno paura!

Non tutte se ne rendono conto, ma i primi tempi la camminata con i tacchi ai vostri piedi non sarà esattamente delle più sinuose e sexy. Potreste essere ancora un po’ rigide e concentrate a mantenere l’equilibrio.
Un buon suggerimento per trovare una camminata femminile ed affascinante è quello di immaginare un filo invisibile che parta della propria testa e ti tiri verso l’alto.
Il busto deve essere sempre ben eretto ed i fianchi devono muoversi in modo sinuoso. L’avanzata deve procedere sempre seguendo una linea immaginaria, incrociando leggermente le gambe, proprio come fanno le modelle in passerella.

Ci raccomandiamo di non esagerare in questo, ricordate sempre che un conto sono le sfilate di moda e che un altro conto è la vita quotidiana.
Le braccia vanno lasciate morbide e devono muoversi in contemporanea alle gambe.
Quando invece si è in piedi, ferme, l’ideale è tenere una gamba dritta e l’altra leggermente piegata per bilanciare il peso corporeo e non gravare troppo sui tacchi.

Finalmente i tacchi fanno parte del vostro quotidiano, non vi sentite più insicure ed impacciate. E’ quindi giunto il momento di calzarli per una serata fuori. Scegliete un’occasione tranquilla ed evitate quelle più movimentate fino a quando non vi sarete abituate del tutto.
Meglio optare per un posto in cui potersi sedere di tanto in tanto e far riposare i piedi.

Ecco alcuni suggerimenti extra per evitare di ritrovarsi con i piedi doloranti dopo i tacchi.
Se i vostri piedi scivolano nelle scarpe, andando a far battere la punta delle dita contro la scarpa, spolverate l’interno delle calzature con un po’ di borotalco prima di infilarle.
Esistono in commercio dei cuscinetti in silicone da applicare all’interno delle scarpe, evitano di far scivolare i piedi ed attutiscono l’impatto. Con più punti d’appoggio i dolore diminuirà ed il piede si affaticherà molto meno.

Se il dolore si presenta una volta tolti i tacchi, vi suggeriamo di fare un bel pediluvio.
Ne potete trovare di specifici sia nei supermercati che in farmacia, oppure potete optare per un rimedio casalingo: un pugno di sale grosso, un pugno di bicarbonato e qualche goccia di olio essenziale alla menta. Sciogliete tutto in acqua calda ed immergete i piedi affaticati per 10-15 minuti.
Massaggiate le gambe dal basso verso l’alto per favorire la circolazione e cercate di tenere le gambe in alto per una quindicina di minuti mentre siete sdraiate a letto o sul divano.

Read More

Come Richiedere un Certificato di Stato Civile

Molto spesso le persone hanno bisogno di reperire atti dello stato civile per vari motivi,da quello familiare a quello lavorativo.
Talvolta,però,subentrano dubbi in merito all’ufficio a cui tali devono essere richiesti.

Per iniziare bisogna sapere che competente al rilascio degli atti dello stato civile è il comune di residenza del richiedente.
Una volta giunti nella casa comunale,occorre trovare l’ufficio dello stato civile.

L’ufficiale dello stato civile, che è un dipendente comunale,chiederà l’esibizione del documento d’identità.
Una volta accertata l’identità del richiedente sarà riempito un modulo, da parte dell’ufficiale dello stato civile,in cui vengono inseriti i dati del richiedente.

Una volta che l’ufficiale ha terminato di riempire il modulo,vi appone una marca da bollo e lo fa firmare al richiedente.
L’atto dello stato civile è pronto e viene consegnato al richiedente.

Bisogna però ricordare che se il certificato serve per rapporti con la Pubblica Amministrazione, deve essere sostituito da un’autocertificazione, cioè da una dichiarazione scritta firmata dal dichiarante, che è possibile scrivere utilizzando questo modello autocertificazione presente sul sito Autocertificazioni.net.

In base a quanto stabilito dalla legge, la Pubblica Amministrazione, per quanto riguarda questo tipo di informazioni, non può richiedere la presentazione di un certificato, ma deve accettare le autocertificazioni.

Il certificato da richiedere al Comune serve quindi solo se viene richiesto da un’azienda privata.

Read More

Regole da Seguire per Dimagrire

Ecco un piccolo ma efficace elenco di dieci regole fondamentali per perdere peso e tornare in armonia con il proprio corpo senza troppi ed estenuanti sacrifici.

Cerca di mangiare sempre agli stessi orari così da stimolare il corpo e la mente ad una certa disciplina e autocontrollo.

Fai sempre e comunque oltre alla dieta una sana attività fisica che stimoli in metabolismo e la circolazione.

Non bere bibite dolci e gassate,preferire sempre e comunque l’acqua o minerale o naturale.

Non tenere sempre gli occhi fissi sulla bilancia, perchè questo non è un metodo per dimagrire ma per diventare facilmente preda dei disturbi alimentari.fallo due o tre volte a settimana.

Non dimenticare che gli spuntini a metà mattinata o pomeriggio tengono attivo il metabolismo e sono indispensabili.

Fai movimento appena puoi,non delegare cose ad altri ma alzati e muoviti il più possibile. Anche una semplice camminata rappresenta un’attività utile. Per controllare i passi fatti è possibile utilizzare il proprio smartphone o un orologio apposito. Relativamente a questi dispositivi è possibile vedere questa guida sull’orologio contapassi su Glisportivi.net.

Concediti sempre e comunque una giornata per mangiare quello che vuoi e che più ti piace in modo da appagare prima di tutto il cervello.

Mangia lentamente così farai in modo di evitare i gonfiori addominali.

Dormi dalle 7 alle 9 ore,dormire bene aiuta il corpo a mantenersi energico e a bruciare meglio i grassi saturi e insaturi durante la giornata.

A cena mangia leggero e se puoi evita totalmente i carboidrati,il metabolismo rallenta dopo le 17 del pomeriggio e il corpo non è più in grado di assimilare nel modo migliore

Si tratta di regole semplice tramite le quali è possibile ottenere ottimi risultati.

Read More

Come Applicare il Fard

Il fard gioca sempre un ruolo da protagonista in qualsiasi trucco. L’obiettivo è quello di riprodurre il colorito delle guance dopo una corsa all’aria aperta. Il fard c’è e si vede, ma è sapientemente sfumato e acquisisce toni decisamente più evidenti rispetto al passato.

La scelta è estremamente semplice: il colore deve ombreggiare l’incarnato e per farlo serve almeno un tono più scuro di quello naturale. Le pelli chiare si devono orientare verso toni pacati e caldi: dorati e ambrati. Le carnagioni scure richiedono tonalità più fredde o squillanti, ma che non accentuino eventuali ombre grigiastre.

Per chi vuole truccarsi con le dita, il fard cremoso è la scelta giusta, a patto che la pelle non tenda abitualmente al lucido. Chi preferisce ombre più precise e migliore sfumabilità dei colori deve optare per prodotti compatti in polvere. Infine, se si desidera un tocco di colore in trasparenza, il fard in gel è la soluzione ideale, da applicare con una spugnetta di lattice.

Se il tuo viso è magro, dagli zigomi decisi, si deve usare poco colore, a ridosso della parte più sporgente dell’osso: un tratto corto, orizzontale e mai troppo intenso. Un viso tondo, invece, si scolpisce con un tratto discendente, appena sotto l’osso dello zigomo, che parte dall’orecchio e raggiunge il centro del viso.

Read More

Come Comprare su Amazon

Per me Amazon è migliore di eBay, certo, dispone di un minor numero di prodotti, ma per alcuni di questi il risparmio è davvero pazzesco. Prima di usare amazon, c’è una premessa di cui vorrei scrivere.

Per usare Amazon in sicurezza, è più sicuro di eBay, ma non si sa mai, è bene procurarsi una carta di credito prepagata (come la postepay, del circuito visa). Per farlo basta recarsi in banca o alle poste.
Su Amazon Postepay si può usare semplicemente dando il numero di carta, senza quindi doversi registrare a siti come paypal, che sì, è sicuro, ma non a tutti piace collegare carte a più siti internet.

Quando vi sarete procurati la carta, per registrarvi basta andare sul sito e cliccare su Inizia qui, di fianco al logo, in alto a sinistra. Dalla home vedrete dei “cartelli promozionali”. Infatti Amazon applica numerose promozioni su alcuni prodotti e per conoscerle vi basta sfogliare la posta elettronica, perché il sito invia delle mail promozionali.

Registrarsi è semplice: come al solito scegliete nome utente e password, poi confermate via mail. Potrete in un secondo momento collegare la carta, il cui numero verrà memorizzato nell’account.
Quando comprate prodotti del prezzo elevato, le spese di spedizione spesso non si pagano, questo è un punto di vantaggio rispetto ad eBay, dove trovare le spedizioni gratuite è raro.

Anche la gestione dei rimborsi è semplice. La procedura può essere fatta online e risulta essere molto veloce. Inoltre, è possibile contattare il servizio clienti e parlare con un operatore seguendo questa guida sul numero verde Amazon.

Non è possibile vendere roba usata, e questo è un peccato, perché se fosse possibile sarebbe sicuramente un motivo in più per usare Amazon. Chissà comunque che un giorno non diventi possibile.

Read More