Out to See

Cose da Imparare Online

Come Posare un Tavolato in un Solaio

A questo scopo vengono spesso usati pannelli truciolari oppure OSB. Questi due tipi di pannelli si trovano in commercio con o senza incastro e possono essere posati direttamente sulle travi (correnti) del solaio. Per realizzare questa guida segui i consigli indicati.

Occorrente
Lana minerale
Coltello da pane
Listello
Granulato isolante
Sega
Martello o cacciavite
Chiodi o viti
Colla per legno
Straccio
Stucco o pasta per legno
Spatola
Levigatrice
Pannelli truciolari o OSB

In un solaio non abitabile, non ha senso isolare il tetto. È preferibile isolare il tavolato, per ridurre in questo modo la volumetria da riscaldare all’interno dell’abitazione. Se i correnti sono scoperti, una prima possibilità consiste nell’utilizzare lana minerale in rotoli per riempire lo spazio tra l’uno e l’altro.

Scegliete delle strisce di grande spessore (che non sporgano però oltre i correnti) e poi tagliatele a misura con un coltello del pane, aiutandovi con un listello. Il paravapore (solitamente un foglio di alluminio o di plastica) deve essere posizionato al di sotto, e quindi dal lato caldo della casa.

Un altro metodo, più rapido, per riempire lo spazio tra i correnti: versatevi del granulato isolante (perlite, sughero, palline di polistirene) o dei fiocchi (di lana di vetro o di roccia). Quanto più i granuli sono di piccole dimensioni, tanto maggiore sarà l’attenzione con cui occorrerà stuccare eventuali buchi o fenditure. Usate un rastrello o un listello per livellare lo strato di granulato o di fiocchi.

Attorno ai pannelli di truciolare o di OSB che intendete posare lasciate uno spazio vuoto di 10 mm, per consentir loro di dilatarsi quando il tempo è umido. I pannelli con il taglio diritto devono essere segati in modo che le giunzioni coincidano esattamente con la linea mediana delle travi, in modo da poterne fissare i bordi alle travi stesse.

Piantate i chiodi a distanze di 30 cm, obliquamente, e a 10 mm di distanza dal bordo del pannello, oppure utilizzate le speciali viti per pannelli truciolari. Se i pannelli sono muniti di incastro, non è necessario segarli in corrispondenza delle travi: l’assemblaggio a incastro garantisce una sufficiente stabilità.

Eventualmente, spalmate della colla per legno nella scanalatura dell’incastro. Quando battete sul taglio del pannello per incastrarlo, usate un pezzo di legno per proteggere il pannello, in genere dall’incastro uscirà un po’ di colla. Eliminatela immediatamente, per evitare di avere macchie di colla impossibili da togliere in seguito.

A questo proposito, prima della posa è possibile trattare i pannelli di truciolare o di OSB con un prodotto turapon e verniciarli, per ridurre al minimo il rischio di macchie. I pannelli truciolari o OSB muniti di incastro possono inoltre essere posati senza chiodi (tavolato flottante), per esempio su un pavimento di calcestruzzo o cemento.

Sfalsate le giunzioni delle varie file di pannelli. Per esempio, cominciate la seconda fila con il ritaglio dell’ultimo pezzo della prima fila, se è grande a sufficienza; in caso contrario, prendete un mezzo pannello. Se volete ricoprire il tavolato di vinile, di moquette o di sughero, stuccate le giunzioni con stucco per legno o pasta di legno, servendovi di una spatola. Levigate poi le giunzioni con una levigatrice eccentrica.